lunedì, Gennaio 30, 2023
HomeRecensioniSlumberland - Nel mondo dei sogni, recensione del fantasy Netflix con Jason...

Slumberland – Nel mondo dei sogni, recensione del fantasy Netflix con Jason Momoa

La recensione di Slumberland - Nel mondo dei sogni, fantasy diretto da Francis Lawrence e interpretato da Jason Momoa. Dal 18 novembre su Netflix.

Rilasciato da Netflix il 18 novembre, Slumberland – Nel mondo dei sogni introduce lo spettatore in una dimensione fantastica ispirata alla serie di fumetti di Winsor McCay dal titolo “Little Nemo in Slumberland”. Il film segue le avventure della giovanissima Nemo (Marlow Barkley) e del suo compagno d’avventura Flip, interpretato da Jason Momoa (Aquaman, Sweet Girl, Dune), è diretto dalle mani esperte di Francis Lawrence, regista di Constantine e della fortunata saga di Hunger Games.

La storia di Slumberland racconta di Nemo, una undicenne che subisce una grave perdita ed è costretta a trasferirsi in casa dello zio Phil (Chris O’Dowd). Le abitudini della giovane subiscono cambiamenti profondi: da una vita spensierata vissuta all’interno di un faro sull’Oceano Pacifico, circondata dall’affetto di suo padre (Kyle Chandler) che allenava quotidianamente la sua fantasia, finisce nel freddo appartamento di città di suo zio, uomo mite ma estremamente sbiadito e privo di vivacità, che nonostante la sua goffaggine emotiva prova a fare il meglio che può per il benessere della nipote ritrovata.

Il film si svolge in due dimensioni: quella della realtà e quella dei sogni. I giorni scorrono carichi degli impegni dovuti alla nuova routine di Nemo, ma le notti si riempiono di avventure. Ogni sonno notturno di Nemo diventa infatti un viaggio a Slumberland, la terra dei sogni. Sembra che le proiezioni del suo inconscio prendano vita conducendola in un mondo fantastico dove incontra Flip, un fuorilegge della dimensione onirica con il quale inizia a seguire il percorso indicato da una mappa che permetterà loro di raggiungere il fondo del Mare degli Incubi per recuperare un prezioso tesoro.

La ricerca che Nemo compie con determinazione nel suo sogno si contrappone all’atteggiamento quasi arido di cui è vittima lo zio Phil. La rassegnazione dell’uomo alla vita, agli eventi, sembra essere una sentimento che la giovane protagonista rigetta completamente. La caratterizzazione del personaggio principale è infatti quella di una ragazzina che non si lascia intimorire dal dolore, ma al contrario lo affronta, usando l’immaginazione con la quale da sempre è abituata a giocare per cercare di realizzare il proprio desiderio. Al contrario Flip, il perdigiorno che l’accompagna in quest’avventura, rappresenta l’inconscio di chi rifugge dalla realtà perché ne è terrorizzato e preferisce vivere in un tempo sospeso nel mondo dei sogni, scevro da ogni responsabilità.

Il brio dell’avventura e il dramma del lutto

Slumberland rappresenta quindi il luogo dell’inconscio caratterizzato da un’esplosione di colori, immagini vivide e magiche. Si tratta del posto in cui ognuno di noi deposita sogni, incubi, ambizioni, paure e desideri. Indugiando più che può nel suo sonno, Nemo cerca un modo per non darla vinta al suo dolore e alla sua nuova condizione, cerca una soluzione al suo problema, si affida ai propri sogni e lotta contro i propri incubi cercando di portare a termine quella che diventa a tutti gli effetti una missione personale. 

L’ultima avventura fantasy di casa Netflix ha l’intento di mettere il pubblico in contatto con le proprie emozioni, senza lasciare che i sentimenti di sofferenza che sopraggiungono dopo un lutto, un evento devastante, possano prendere il sopravvento, ma anzi cercando di destare la speranza e impedendo di lasciare che la rigidità della realtà spenga i sogni, la fantasia, la voglia di vivere e la spensieratezza.

Oscillando tra il brio dell’avventura, il dramma del lutto, la rincorsa di un desiderio da esaudire e la magia di un mondo fantastico, Slumberland – Nel mondo dei sogni è una pellicola per tutta la famiglia. Ottimo spunto per comprendere l’importanza di giocare con la propria immaginazione, di imparare a far convivere gioie e dolori ed accettare che ogni inizio ha una fine, ma che la fine non implica una resa alla vita. 

Guarda il trailer ufficiale di Slumberland

GIUDIZIO COMPLESSIVO

Oscillando tra il brio dell'avventura, il dramma del lutto, la rincorsa di un desiderio da esaudire e la magia di un mondo fantastico, Slumberland - Nel mondo dei sogni è una pellicola per tutta la famiglia. Ottimo spunto per comprendere l’importanza di giocare con la propria immaginazione, di imparare a far convivere gioie e dolori ed accettare che ogni inizio ha una fine, ma che la fine non implica una resa alla vita. 
Doranna Discianni
Doranna Discianni
Vivo immersa nel grande schermo perché sono affascinata dalla bellezza. Potteriana e Tarantiniana | Film del cuore: Nuovo Cinema Paradiso | Il più grande regista: Vittorio De Sica. | Attore preferito: Julia Roberts | La citazione più bella: "Sono le scelte che facciamo, Harry, che dimostrano quel che siamo veramente, molto più delle nostre capacità." (Harry Potter e la camera dei segreti)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

RECENTI

- Advertisment -
Oscillando tra il brio dell'avventura, il dramma del lutto, la rincorsa di un desiderio da esaudire e la magia di un mondo fantastico, Slumberland - Nel mondo dei sogni è una pellicola per tutta la famiglia. Ottimo spunto per comprendere l’importanza di giocare con la propria immaginazione, di imparare a far convivere gioie e dolori ed accettare che ogni inizio ha una fine, ma che la fine non implica una resa alla vita. Slumberland - Nel mondo dei sogni, recensione del fantasy Netflix con Jason Momoa