mercoledì, Febbraio 8, 2023
HomeRecensioniMoglie e Marito, recensione del film con Pierfrancesco Favino

Moglie e Marito, recensione del film con Pierfrancesco Favino

Articolo a cura di Joseph Crisafulli

Moglie e Marito è la classica commedia che piace e piacerà ad un target di pubblico abbastanza eterogeneo. Il film prende infatti un canovaccio già visto e rivisto, ma viene sviluppato in maniera molto divertente e classica.

Empatia, dal greco en pathos, tradotto letteralmente sentire dentro, è una condizione basilare per ottenere dei sani e rispettosi rapporti umani. Solamente mettendosi nei panni degli altri si possono capire pienamente le ragioni delle persone estranee a noi e di chiunque altro abbia un’opinione, una cultura o un’idea diversa rispetto alla nostra.

Lo scambio d’identità è probabilmente l’espediente drammaturgico più gettonato per rendere empatiche due persone completamente agli antipodi. Di esempi cinematografici ce ne sono moltissimi (ricordate Face/Off in cui John Travolta e Nicolas Cage si scambiano le proprie facce e le proprie vite?), eppure è un sistema che tendenzialmente funziona sempre e tiene lo spettatore incollato alla poltrona.

Simone Godano firma la regia di questa sua opera prima, dirigendo il sempre bravo Pierfrancesco Favino e la bellissima Kasia Smutniak in questa commedia dove a scambiarsi i ruoli sono proprio la moglie e il marito. Sofia e Andrea sono una coppia sposata da 10 anni, con due figli a carico, in piena crisi. Sofia è un’ambiziosa conduttrice televisiva, mentre Andrea è un neurochirurgo che porta avanti una sperimentazione sul cervello umano. A causa di un esperimento i due coniugi si ritrovano uno nel corpo dell’altra. Questa esperienza li porterà a capirsi meglio e a riscoprirsi.

Moglie e Marito è una commedia divertente che parte da un concept trito e ritrito, ma ha un cuore interessante e soprattutto molto attuale. In molte delle coppie di oggi, sembra che i ruoli si siano invertiti rispetto al canone di quella che ancora ci ostiniamo a chiamare “famiglia tradizionale”.

Su questo fronte il film di Godano si muove, seppur timidamente, nella giusta direzione, tentando di sradicare quei preconcetti sulla famiglia ancora tristemente ancorati nelle nostre coscienze. A livello tecnico e strutturale, Moglie e Marito presenta un primo atto non del tutto convincente, in cui lo spettatore è ancora scettico e distaccato. Il secondo atto raccoglie le idee più brillanti del film.

Pierfrancesco Favino è in grado di incarnare le due personalità in maniera molto divertente; Kasia Smutniak riesce a impersonare il doppio ruolo in maniera convincente ed in modo molto equilibrato. A dare manforte alla coppia di attori ci pensa Valerio Aprea (indimenticabile nel ruolo dello sceneggiatore in Boris), il cui personaggio è la fonte delle battute più divertenti.

Moglie e Marito è una commedia molto tradizionale, una classica commedia degli equivoci che riesce in più di un frangente a donare e arricchire questa categoria, il che non è di certo una cosa di poco conto.

Guarda il trailer ufficiale di Moglie e Marito

Redazione
Redazione
Il team di Moviestruckers è composto da un valido ed eterogeneo gruppo di appassionati cinefili con alle spalle una comprovata esperienza nel campo dell'informazione cinematografica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

RECENTI

- Advertisment -