venerdì, Febbraio 3, 2023
HomeRecensioniDon't Worry, recensione del film di Gus Van Sant con Joaquin Phoenix

Don’t Worry, recensione del film di Gus Van Sant con Joaquin Phoenix

Articolo a cura di Riccardo Tanco

Presentato al Sundance Film Festival nel 2018 e in concorso alla 68esima edizione del Festival del Cinema di Berlino, Don’t Worry è il nuovo film scritto e diretto da Gus Vant Sant, che torna dietro la macchina da presa a tre anni di distanza da La foresta dei sogni.

Tratto dalla biografia omonima scritta dal vignettista e scrittore satirico John Callahan, che all’età di 21 anni fu vittima di un incidente in cui rimase paralizzato e costretto sulla sedie a rotelle, Callahan è interpretato dall’attore Joaquin Phoenix, affiancato da un cast corale che comprende l’attrice Ronney Mara assieme a Jonah Hill e Jack Black. Scritto da Gus Vant Sant, il soggetto del film è stato realizzato da Van Sant assieme a Jack Gibson e William Andrew Eatman.

Stati Uniti, 1982: John Callahan (Phoenix) è un giovane di 21 anni che è vittima di una forte dipendenza dall’alcol. Dopo aver conosciuto ad una festa Dexter (Black), i due profondamente ubriachi si mettono alla guida di un auto finendo coinvolti in un grave incidente automobilistico. Mentre Dexter ne esce illeso, John diventa tetraplegico e rimane paralizzato dal torace in giù, costretto a continuare a vivere a bordo di una carrozzina. Mentre affronta la riabilitazione, deciso a cambiare vita e combattere il proprio alcolismo, l’uomo conosce il guru Donnie (Hill) e la dolce Annu (Mara), e trova lavoro come famoso vignettista e autore comico di disegni dissacranti.

Dopo l’ambizioso ma poco riuscito La foresta dei sogni, Gus Van Sant realizza un biopic dedicato alla vita di John Callahan, vignettista comico e dissacrante scomparso nel 2010 all’età di 59 anni, che dall’età di 21 anni si è ritrovato paraplegico a seguito di un incidente e costretto a lottare anche con una grave dipendenza dall’alcolismo.

Se la struttura narrativa rimanda a un convenzionale film biografico, Don’t Worry ha il tono e l’atmosfera del dramedy, una commedia malinconica con i tratti dell’indie movie americano. Senza virtuosismi o inutili pretenziosità, Van Sant opta per una messa in scena e una regia controllata e dall’approccio classico, mantenendo una riuscita grazia scenica: ambientato nell’America degli anni’80, il film si fregia di un’immagine granulosa e quasi vintage, restituendo molto bene dal punto di vista visivo il tempo in cui è ambientata la vicenda.

Il film è supportato da un ottimo cast capitanato da un sempre mimetico Joaquin Phoenix nei panni di Callahan: l’attore, costretto ad una prova su una sedie a rotelle, trova la giusta chiave d’ironia e tristezza nel dipingere il personaggio, aiutato anche dai comprimari, come il buffo e saggio guru spirituale di Jonah Hill (autore di bei duetti con Phoenix alle riunioni degli alcolisti nnonimi), fino alla leggiadria di Rooney Mara e all’efficace cameo di Jack Black.

Don’t Worry non scivola mai nella retorica e trova uno sguardo irriverente e ironico sulla presa in giro della disabilità attraverso la rappresentazione delle vignette politically uncorrect di Callahan; soprattutto, è un film sul riscoprire la delicatezza dei sentimenti, quasi tutto declinato a una ricerca e una riscoperta. Una sorta di viaggio di consapevolezza all’interno dell’anima di una persona che deve accettare il proprio dolore.

Don’t Worry (qui il trailer italiano ufficiale) è un film malinconico e toccante sul ritrovare sé stessi, sul dare senso e materia alla propria esistenza; un percorso di salvezza e redenzione interiore che passa attraverso la condivisione dell’altro. L’ultima fatica di Gus Van Sant prova a riflettere sulla riaccettazione di sé stessi (verso un corpo diverso e verso gli altri), vedendo nell’arte (cioè nelle vignette di Callahan) una forma di libertà e via di fuga per superare il passato.

Guarda il trailer ufficiale di Don’t Worry

Redazione
Redazione
Il team di Moviestruckers è composto da un valido ed eterogeneo gruppo di appassionati cinefili con alle spalle una comprovata esperienza nel campo dell'informazione cinematografica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

RECENTI

- Advertisment -