venerdì, Dicembre 9, 2022
HomeNewsI Razzie Awards revocano il premio a Bruce Willis dopo il ritiro...

I Razzie Awards revocano il premio a Bruce Willis dopo il ritiro dell’attore

I Razzie Awards decidono di revocare il premio a Bruce Willis dopo la diagnosi di afasia che ha spinto l'attore al ritiro dalle scene.

La Raspberry Foundation, l’associazione che assegna ogni anno gli ironici Razzie Awards, i premi che riconoscono il peggio della stagione cinematografica dell’anno, ha fatto un passo indietro rispetto al premio assegnato a Bruce Willis nell’edizione 2022.

In seguito alla diagnosi di afasia che la famiglia dell’attore ha reso pubblica nei giorni scorsi, la Raspberry Foundation ha deciso di revocare il premio assegnato a Willis, per cui era stata creata un’apposita categoria denominata “PEGGIOR PERFORMANCE DI BRUCE WILLIS IN UN FILM DEL 2021”.

“Dopo molte riflessioni e considerazioni, i Razzies hanno deciso di revocare il Razzie Award assegnato a Bruce Willis, a causa della sua diagnosi rivelata di recente”, hanno detto i co-fondatori dei Razzies, John Wilson e Mo Murphy. “Se le condizioni mediche di qualcuno possono rappresentare un fattore nella loro capacità di prendere decisioni o nella loro interpretazione, riconosciamo che non è appropriato dar loro un Razzie”.  

Lo scorso 30 marzo, la famiglia allargata di Bruce Willis (che include anche l’ex moglie Demi Moore) ha annunciato attraverso i social la diagnosi di afasia e il ritorno dalle scene dell’attore. Tuttavia, un recente articolo del Los Angeles Times fa luce sul fatto che un serie di incidenti avvenuti sui vari set a cui Willis ha preso parte di recente, avevano già allertato alcuni registi e membri della troupe in merito alle sue condizioni di salute.

Nel 2021, Willis ha recitato in una serie di film a basso budget, tra cui Out of Death. Pare che il regista del film abbia revisionato la sceneggiatura per ridurre i dialoghi dell’attore e, di conseguenza, le sue apparizioni sullo schermo. Altre persone che si sono ritrovate sul set con Willis per altri progetti, invece, hanno riferito che l’attore faticava a ricordare le battute e che spesso appariva confuso in merito a ciò che lo circondava.

Pare che all’attore sia stato affiancato un assistente che gli suggeriva le battute attraverso un auricolare, mentre uno stunt era stato incaricato di eseguire le scene d’azione al suo posto.

Stefano Terracina
Stefano Terracina
Cresciuto a pane, latte e Il Mago di Oz | Film del cuore: Titanic | Il più grande regista: Stanley Kubrick | Attore preferito: Michael Fassbender | La citazione più bella: "Io ho bisogno di credere che qualcosa di straordinario sia possibile." (A Beautiful Mind)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

RECENTI

- Advertisment -