domenica, Dicembre 4, 2022
HomeIntervisteHocus Pocus 2: il ritorno delle sorelle Sanderson nelle parole del cast

Hocus Pocus 2: il ritorno delle sorelle Sanderson nelle parole del cast

Il resoconto della global press conference di Hocus Pocus 2, l'attesissimo sequel con Bette Midler, Sarah Jessica Parker e Kathy Najimi. Dal 30 settembre su Disney+.

Tremate, tremate… Le streghe son tornate! Da oggi, in esclusiva sulla piattaforma di streaming Disney+, è finalmente disponibile Hocus Pocus 2, l’attesissimo sequel della commedia fantastica diretta nel 1993 da Kenny Ortega (la trilogia di High School Musical) e interpretata da Bette Midler, Sarah Jessica Parker e Kathy Najimi.

In occasione dell’uscita del nuovo film dedicato alle tre iconiche sorelle Sanderson, che i fan hanno dovuto attendere per ben 29 lunghi anni, abbiamo avuto l’onore e il piacere di partecipare alla global press conference in cui il cast e la crew del sequel hanno raccontato alla stampa di questo bramatissimo ritorno a Salem. Ad aprire le danze è stata la leggendaria Bette Midler, interprete di Winifred ‘Winnie’ Sanderson, alla quale è stato subito chiesto se in tutto questo lasso di tempo abbia mai davvero pensato che un sequel di Hocus Pocus potesse davvero diventare realtà.

“Non ci ho mai davvero creduto fino a quando non ne abbiamo parlato seriamente e l’idea è diventata un progetto concreto”, ha spiegato l’attrice. “È come un sogno che diventa realtà, davvero. In tutti questi anni ho capito che Hocus Pocus è diventato un vero e proprio fenomeno, e così ho iniziato a chiedermi: ‘Non è forse arrivato il momento di un sequel? La gente potrebbe essere interessata…’. Tutto questo è successo tipo 15 anni fa, più o meno. E ora, finalmente, eccoci qua!”. 

Quando uscì nel 1993, il primo Hocus Pocus non riscosse un grandissimo successo. Furono i numerosi passaggi televisivi a trasformarlo in un vero e proprio cult che, nel corso degli anni, è riuscito a conquistare un posto sempre più speciale nel cuore dei fan della Disney, degli amanti delle commedie fantastiche e, in generale, di tutti coloro che sono incapaci di resistere al fascino e al mistero della stregoneria. Ma da cosa dipende questa incredibile quantità di affetto che il pubblico ha dimostrato di nutrire, anno dopo anno, nei confronti di questa magica storia e di questi incredibili personaggi?

A rispondere a questa domanda è stata Kathy Najimi, interprete di Mary Sanderson: “Penso che Hocus Pocus abbia qualcosa di speciale… Una sorta di storia che viene tramandata di generazione in generazione. Un po’ come Il mago di Oz, ad esempio. È come se fosse diventato una parte di noi e della nostra storia familiare. Nessuno può mai prevedere cosa accadrà quando si realizza un film, ma nel caso di Hocus Pocus credo che sia accaduto esattamente questo. Una storia che ha assunto dei contorni generazionali e che alla fine è diventata un qualcosa che riguarda tutti i nostri affetti più cari”. 

Hocus Pocus 2 dal 30 settembre su Disney+ 

A dirigere Hocus Pocus 2 è stata chiamata Anne Fletcher, che oltre ad essere una regista (suoi film come 27 volte in bianco e Ricatto d’amore), proprio come Kenny Ortega ha all’attivo anche una carriera come coreografa. E visto che in Hocus Pocus le sequenze musicali hanno sempre rivestito una certa importanza (basti pensare al momento I Put a Spell on You), alla Fletcher è stato proprio chiesto quale fosse il suo obiettivo con questo sequel, non solo a livello narrativo, ma anche da un punto di vista delle scene che avrebbero incluso numeri di canto e danza.

“Chiaramente, l’obiettivo principale era quello di onorare il primo film e di assicurarmi di rendere felici non solo i fan di lunga data ma anche di provare ad incuriosire e affascinare una nuova fetta di pubblico”, ha specificato la regista. “Poi, ho pensato ovviamente anche ai numeri musicali, che sono sempre stati funzionali a questa storia. Tuttavia, non me la sentivo di mettermi a competere con un momento come ‘I Put a Spell on You’. Quindi ci siamo semplicemente impegnati a scegliere la canzone migliore, sempre in funzione della storia. Abbiamo avuto la possibilità di scegliere fra tanti brani. È stato divertente.” 

La parola è passata poi al produttore esecutivo Adam Shankman, che in origine era stato scelto per dirigere il sequel, ma che alla fine ha deciso di abbandonare la regia per dedicarsi a quella di un altro attesissimo seguito (Disenchanted, sequel di Come d’incanto in arrivo a novembre, sempre su Disney+). In merito al suo coinvolgimento, Shankman ha dichiarato: “Conosco Anne, Bette e Kathy da tantissimo tempo. Ho anche avuto la fortuna di visitare il set del primo Hocus Pocus, che è un film che ho sempre amato. Quindi, quando mi è stato chiesto di far parte del team produttivo del sequel, non potevo assolutamente tirarmi indietro”. 

Oltre alle tre sorelle Sanderson, un altro grande ritorno in Hocus Pocus 2, direttamente dal film del 1993, è quello di Doug Jones, che torna nei panni dello zombi William “Billy” Butcherson, sicuramente uno dei personaggi più amati dai fan. “Penso che le persone mi amino perché sono stato uno zombi prima che gli zombi diventassero una moda”, ha ironizzato l’attore. “E per di più non sono mai stato uno zombi che amava mangiare il cervello della gente… E questo fa una differenza enorme”.

Anche le tre nuove giovani protagoniste del film, Whitney Peak (Becca), Belissa Escobedo (Lizzy) e Lilia Buckingham (Cassie), hanno avuto la possibilità di parlare del loro coinvolgimento nel sequel, esperimendo – da attrici con ancora poca esperienza alle spalle – tutto il loro entusiasmo per aver ricevuto non solo l’opportunità di prendere parte al sequel di un film così amato, ma anche di recitare al fianco di attori straordinari e talentuosi, delle vere e proprie leggende come, appunto, Bette Midler, Sarah Jessica Parker (grande assente in conferenza), Kathy Najimi e Doug Jones.

In conclusione, è stata proprio una delle “vecchie guardie”, ossia la Midler, a riflettere su cosa abbia significato per lei e per le sue colleghe tornare nei panni delle sorelle Sanderson dopo tutti questi anni e su cosa possa rappresentare questo glorioso come back per il pubblico femminile: “Penso che questi tre personaggi siano un grande esempio di positività per le donne”, ha affermato l’attrice. “Sono molto divertenti, cosa che tutte le donne dovrebbero essere e che spesso non sono. E poi sono profondamente leali l’una con l’altra, anche se i sentimenti che nutrono sono spesso contrastanti. Il loro è un legame molto forte e questo sequel non fa che rafforzare quest’idea. Che si tratti di amicizia o di sorellanza, è molto importante quando l’unione femminile viene portata sullo schermo.”

Guarda il trailer ufficiale di Hocus Pocus 2 

Stefano Terracina
Stefano Terracina
Cresciuto a pane, latte e Il Mago di Oz | Film del cuore: Titanic | Il più grande regista: Stanley Kubrick | Attore preferito: Michael Fassbender | La citazione più bella: "Io ho bisogno di credere che qualcosa di straordinario sia possibile." (A Beautiful Mind)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

RECENTI

- Advertisment -