lunedì, Febbraio 6, 2023
HomeFilm più AttesiOn the Milky Road: Emir Kusturica tra storie vere e molta fantasia

On the Milky Road: Emir Kusturica tra storie vere e molta fantasia

On the Milky Road è l’ultima fatica di Emir Kusturica, famoso per essere un membro esclusivo del Cannes Club, ovvero vincitore della Palma d’Oro per ben due volte, come Ken Loach e i fratelli Dardenne. Il regista serbo venne premiato per Papà è in viaggio d’affari (1985) e per il visionario Underground (1995). I suoi film da sempre stordiscono il pubblico, con il suo stile ad alta energia, con scene di massa incredibilmente ambiziose e una profusione felliniana di musica folle, di animali e umorismo anarchico e al contempo surreale.

Un quadro imperfetto, indulgente e allo stesso tempo impressionante lungo linee molto familiari

On the Milky Road è un quadro imperfetto, indulgente e allo stesso tempo impressionante lungo linee molto familiari, con tocchi di realismo magico, in cui Kusturica si distingue per la sua forte impronta visiva. Presentato in concorso alla 73ª Mostra internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia ha vinto il Leoncino d’Oro 2016, premio istituito da Agiscuola che viene assegnato da una giuria di 22 giovani appena maggiorenni, provenienti da tutte le regioni d’Italia.

Questa la motivazione del riconoscimento al film: “Uno sguardo surreale filtra la cruda realtà della guerra, che pur non perdendo il suo più intrinseco tratto, lascia spazio a scene permeate di sognante malinconia. Gli scenari popolati da oggetti incantati e animali magici che si muovono nella quotidianità del male, fanno da sfondo ad una corsa rocambolesca verso la possibilità di un amore surreale, quanto possibile. Il sogno sfugge alla guerra, l’incontro allontana lo scontro e come, in un’utopica visione, il regista accompagna lo spettatore verso il realizzarsi disperato del destino di personaggi al contempo sognanti e crudi, stravaganti ed ordinari, determinati e universali”.

on the milky road

On the Milky Road: Emir Kusturica e Monica Bellucci presentano il film a Roma

La trama racconta di Kosta, che ogni giorno trasporta il latte e attraversa il fronte a dorso di un asino, schivando pallottole, per portare la sua preziosa mercanzia ai soldati. Benedetto dalla fortuna nella sua missione e amato da una giovane donna del paese: tutto lascia pensare che un futuro di pace lo stia aspettando. Ma l’arrivo di una misteriosa donna italiana sconvolgerà la sua vita completamente. Inizia così una storia di passione, di amore proibito, che farà precipitare i due protagonisti in una serie di fantastiche e pericolose avventure.

La trama è ispirata a tre storie che sono state raccontate al regista in tempi diversi. La prima storia racconta di un uomo che portava il latte durante la guerra tra URSS e Afghanistan, riforniva le baracche militari e ogni giorno faceva avanti e indietro con le sue latte. Nel frattempo cresceva un serpente, lo nutriva con il latte della fattoria, e fu salvato dalla morte proprio per essersi fermato a nutrire il serpente quando nella base, mentre lui era assente, tutti erano stati uccisi.

La seconda storia affonda le radici nella guerra in Croazia negli anni Novanta e nella biografia di una ragazza bellissima cresciuta a Craina (Serbia) che, dopo essere stata a scuola a Roma all’inizio della guerra era tornata ed era diventata una spia. Intercettava le comunicazioni tra gli alleati Nato, ma la sua bellezza aveva fatto innamorare un generale inglese, che aveva ucciso la moglie pur di stare con lei, che invece era finita in un campo profughi. La più drammatica infine è quella di un uomo che sacrificò migliaia di pecore per riuscire a passare attraverso un terreno minato.

Il film è basato sul cortometraggio Our Life, scritto a quattro mani dal regista e da sua figlia Dunja

“Tre storie vere e molta fantasia” recita la didascalia a inizio film. On the Milky Road è basato sul cortometraggio Our Life, scritto a quattro mani dal regista Emir Kusturica e da sua figlia Dunja. Protagonisti del film sono Kusturica stesso nei panni di Kosta e Monica Bellucci in quelli della misteriosa donna italiana. La Bellucci, sotto le sapienti mani del regista serbo, ha tirato fuori il meglio di sé, superando i suoi limiti, immergendosi totalmente nel personaggio e accettando anche scene estreme, come il tuffo da 10 metri in un’acqua con una temperatura al di sotto degli 11 gradi.

Le riprese del film si sono protratte per tre anni, un vero e proprio lusso che si è concesso il regista, che non voleva lasciare nulla al caso. On the Milky Road, recitato da tutti gli attori in serbo, uscirà in Italia l’11 maggio in sole 30 copie, una scelta precisa della Europictures, piccola ma coraggiosa casa di distribuzione indipendente.

Lucia Lorenzini
Lucia Lorenzini
Dipendente da cinema e serie tv fin da quando ha iniziato a usare il telecomando | Film del cuore: Casablanca | Il più grande regista: Martin Scorsese | Attore preferito: Leonardo DiCaprio | La citazione più bella: "Luke, sono tuo padre" (Star Wars Episodio V - L'Impero Colpisce Ancora)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

RECENTI

- Advertisment -