venerdì, Febbraio 3, 2023
HomeApprofondimenti#IoRestoACasa: 5 titoli da vedere in streaming

#IoRestoACasa: 5 titoli da vedere in streaming

Non sono giorni facili, quelli che stiamo vivendo in questo momento. Le stringenti disposizioni del Governo italiano per arrestare il contagio del virus Covid-19 hanno portato alla drastica decisione di far coincidere la “zona rossa” con l’intero paese. Dovremo passare più tempo a casa: una scelta responsabile e necessaria, che tutelerà la nostra salute. Non sarà una passeggiata, perché vedere stravolta la nostra esistenza nell’arco di pochi giorni è una cosa difficile da accettare. Comprensibilissimo. Come comprensibile è anche l’ansia e la paura, sentimenti profondamente umani.

Partendo dal presupposto che le quattro mura domestiche – improvvisamente trasformatesi da comfort zone a prigione di massima sicurezza – diventeranno per qualche settimana (almeno) il nostro universo, è giusto attrezzarci in modo tale da rendere meno grigi i prossimi giorni.

Per qualcuno sarà il momento di prendere in mano un libro lasciato per troppo tempo sul comodino; per qualcun altro magari l’isolamento significherà ricominciare a giocare ai videogame di quando era adolescente; per altri magari sarà l’occasione di mettersi finalmente davanti alla televisione e vedere quel film o quella serie di cui si era costantemente rimandata la visione.

A proposito dell’ultimo aspetto, in qualità di sito dedicato al cinema, ci siamo chiesti: perché non selezionare 5 titoli, tra film e serie tv, da consigliare a tutti coloro che, collegandosi alle due principali piattaforme streaming (Netflix ed Amazon), si trovano a dover scegliere tra gli innumerevoli titoli dei due ricchi cataloghi?

Quindi, ecco a voi alcuni titoli che secondo noi non dovreste perdere. E, vi assicuriamo, ce n’è davvero per tutti i gusti. Continuare a leggere l’articolo per credere!

the irishman

1. The Irishman 

Per tutti coloro che: “Così lungo, che ancora non ho avuto il tempo di guardarlo”. Effettivamente sono in molti gli utenti di Netflix che hanno rimandato la visione del nuovo capolavoro di Martin Scorsese, The Irishman spaventati dalla durata del film: più di 3 ore! Ma, niente paura, il ritmo del film è così incalzante che è davvero impossibile annoiarsi, e poi ci sono altri 3 buoni motivi per vederlo: Robert De Niro, Al Pacino e Joe Pesci. Tratto dal libro di Charles Brandt, “L’irlandese. Ho ucciso Jimmy Hoffa”, e sceneggiato magnificamente da Steven Zaillian (i dialoghi sono una bomba!), il film si è aggiudicato ben 11 nomination agli ultimi premi Oscar.

Tra le pellicole più iconiche della scorsa stagione cinematografica, The Irishman racconta la storia del malavitono Frank Sheeran (De Niro) e della sua ascesa criminale tra gli anni ’50 e gli anni ’80. Un summa del cinema di Scorsese, che si circonda dei suoi più grandi interpreti, e allo stesso tempo un film nostalgico che sembra un vero e proprio testamento artistico. Notevoli gli effetti digitali che hanno permesso di ringiovanire i protagonisti.

2. Dov’è il mio corpo?

Se siete amanti del cinema di animazione sarete sicuramente al corrente che Netflix ha da pochi giorni cominciato a inserire nel proprio catalogo i capolavori dello Studio Ghibli, fondato, tra gli altri, da Hayao Miyazaki nel 1985. Ma, scommettiamo che pochi di voi sanno che da dicembre sulla piattaforma è presente anche un piccolo grande film d’animazione che – ne siamo sicuri – vi conquisterà? Basta solo dargli una chance, e approfittare del tempo che in questi giorni abbiamo a disposizione. Si tratta di Dov’è il mio corpo, diretto dal francese Jérémy Clapin. Un’opera straordinaria e struggente, che racconta una storia a metà strada tra realismo e fantastico.

Nella Parigi odierna, una mano mozzata fugge da un’ospedale per cercare di ricongiungersi al corpo a cui appartiene. Il corpo in questione è quello del giovane immigrato Naoufel, di origine magrebina. Il ragazzo, che deve fare i conti con un passato doloro e traumatico (ha perso entrambi i genitori), sbarca il lunario facendo (con risultati disastrosi) il porta pizza. Una sera incontra una giovane, Gabrielle, e se ne innamora. Pur di starle vicino, decide di iniziare un periodo di apprendistato nella falegnameria di un parente della ragazza. Pura poesia, e alla fine le lacrime sono assicurate.

3. Notte sul Pianeta Terra

Si parla molto delle serie tv di finzione di Netflix, e raramente ci rende conto della qualità di quelle documentarie prodotte e distribuite dal colosso dell’intrattenimento. Ne abbiamo davvero per tutti i gusti, ma in un momento difficile come questo è forse il caso di distrarsi un po’ e magari “rifugiarsi” nella natura selvaggia e nella sua affascinante spettacolarità. È per questo motivo che Notte sul Pianeta Terra non può che rappresentare un appuntamento imprescindibile per gli amanti dei documentari naturalistici, ma non solo. Se siete tra coloro che hanno amato Our Planet, allora non potete perdere questa nuova fatica produttiva targata Netflix.

Vi siete mai chiesti: che cosa fanno gli animali durante le ore notturne? Anticipiamo già che, sono davvero pochi quelli che dormono. Dalla Savana al Giappone, dalle foreste tropicali ai mari profondi, il documentario ci porta alla scoperta di un mondo (oscuro, ma brulicante di vita) a noi sconosciuto; e lo fa avvalendosi di una tecnologia all’avanguardia che ha permesso riprese impossibili da realizzare fino a pochi anni fa. Insomma, siamo al cospetto di un’esperienza (anche sensoriale, non solo visiva) unica e profondamente immersiva da gustare seduti comodamente sul nostro divano di casa.

boyhood

4. Boyhood

In questi giorni, probabilmente, avvertiremo una sensazione strana: ci sembrerà che il tempo scorra in modo diverso, forse più lentamente. Le settimane sembreranno anni, e quando tutto sarà passato (perché passerà, abbiate fiducia) ci sentiremo forse tutti un po’ più vecchi. Il tempo è un aspetto della vita che ci affascina da sempre – il suo scorrere inesorabile e inarrestabile, la sua memoria, la sua nostalgia; ed è un aspetto che ha notevolmente influenzato anche il cinema, il quale si è sempre adoperato in ogni modo per riconsegnarcene il senso più profondo. Da questo punto di vista, uno dei film più struggenti che mette in scena il senso dello scorrere del tempo è certamente Boyhood di Richard Lintaker (disponibile su Amazon Prime).

La straordinarietà del film non deriva solo dalla storia che racconta – la vita del giovane Mason dall’infanzia all’età adulta -, ma dal fatto che il film è stato realizzato nell’arco di 12 anni (dal 2004 al 2012), seguendo il decorso naturale della crescita e/o invecchiamento dei suoi personaggi/interpreti. Una scelta produttiva ambiziosa e non priva di rischi, ma totalmente riuscita. Un capolavoro da recuperare senza se e senza ma.

hunters

5. Hunters

Last but not least, la serie tv di punta di Amazon in questi primi mesi dell’anno: Hunters, scritta dal quasi esordiente David Weil. Chi più, chi meno, tutti conosciamo la storia dell’ascesa del Nazismo. Pochi di noi però sanno che, una volta caduta la dittatura e finita la Seconda Guerra Mondiale, molti tedeschi fedeli ad Hitler scapparono, diretti sia in Sud America che negli Stati Uniti; così come che diversi cittadini americani di origine ebraica (alcuni dei quali sopravvissuti all’Olocausto) si adoperarono per stanare i criminali di guerra sfuggiti ai processi effettuati successivamente al conflitto. È a queste incredibili storie vere che si ispira la serie, ambientata negli anni ’70, durante la presidenza di Jimmy Carter.

Il giovane e un po’ scapestrato Jonah (Logan Lerman), anziché finire biblicamente nella pancia della balena, si ritrova a far parte di un gruppo di vendicatori decisi a trovare ed uccidere i nazisti che si nascondono negli Stati Uniti. A comandarli c’è un ex sopravvissuto ai campi di sterminio, interpretato da un superlativo Al Pacino. Folgorante e adrenalinico: quello che ci vuole per non farsi “ammosciare” dalla quatidianità forzata!

Diego Battistini
Diego Battistini
La passione per la settima arte inizia dopo la visione di Master & Commander di Peter Weir | Film del cuore: La sottile linea rossa | Il più grande regista: se la giocano Orson Welles e Stanley Kubrick | Attore preferito: Robert De Niro | La citazione più bella: "..." (The Artist, perché spesso le parole, specie al cinema, sono superflue)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

RECENTI

- Advertisment -